Come nasce la figura professionale?

L’assistente di studio notarile è quello che un tempo veniva chiamato impiegato o segretario di studio notarile. 

La figura dell’assistente non nasce oggi bensì da quando esistono i Notai; con la differenza che ad oggi ha preso una connotazione diversa, svolgendo un ruolo fondamentale di supporto operativo per il notaio. È un impiegato di concetto specializzato, un vero e proprio professionista.

L’assistente Notarile deve ben conoscere l’attività che precede la stipula di un atto, la fase vera e propria del rogito ed i conseguenti adempimenti post-stipula. In definitiva, l’intera attività che si svolge in uno Studio Notarile, soprattutto dal punto di vista giuridico-informatico.

  • Quali sono le competenze di un assistente di studio Notarile?

Essendo l’assistente di supporto totale al Notaio, ha bisogno di conoscere quelle che sono le attività vere e proprie che si svolgono all’interno dello studio: La pre stipula, la stipula, il post stipula, l’istruttoria, la repertoriazione, la tassazione dell’atto ecc.. Tutte quelle conoscenze specialistiche che per l’appunto fanno parte dello studio Notarile.

  • Quali sono gli elementi indispensabili per intraprendere la professione dell’assistente notarile?

La figura dell’assistente notarile deve essere in possesso di un diploma di scuola secondaria di secondo grado o di una laurea. 

Deve avere una propensione di lavoro con il pubblico, un’ottima capacità interpersonale, avere inoltre la capacità di lavorare secondo ritmi molto frenetici ed in contesti concitati.

I notai in definitiva ricercano personale competente, preparato, attento, responsabile e di cui ci si possa fidare ed affidare, sia caratterialmente che professionalmente.