fbpx

Il Notaio Digitale

Una delle più grandi innovazioni degli ultimi tempi, in campo notarile, è senz’altro la figura del Notaio digitale, ovvero la possibilità di stipulare un atto notarile informatico cioè un atto pubblico in telepresenza, avvalendosi delle più recenti tecnologie quali la  firma digitale e la conferenza in remoto.

L’innovazione fonda la sua grandezza sicuramente nella sua facilità d’impiego e nella sua estrema semplicità di utilizzo.

La stipula si svolge in un ambiente che potremmo definire “digitale”, cioè una piattaforma di stipula informatica /telematica in grado di fornire all’atto e alle circostanze in cui si perfeziona, un livello di certezza uguale o addirittura superiore a quella dell’atto pubblico cartaceo tradizionale perché in questo format, il Notaio avrebbe la possibilità di gestire le diverse fasi dell’atto notarile e allo stesso tempo di essere controllato.

L’innovazione sta nel fatto che ogni fase dell’atto ora sarebbecompletamente gestita e coadiuvata da strumenti digitali che ricalcano esattamente, nelle funzioni, quelli tradizionali, primi fra tutti la presenza fisica.

La maggiore certezza e garanzia offerta dalla piattaforma digitale è data dall’uso della firma digitale unita alla telepresenza.

Il suddetto Istituto riveste un’importanza enorme nella nostra società per le sue innumerevoli implicazioni giuridiche, economiche ed amministrative.

Una delle conseguenze più interessanti è senza dubbio la possibilità per i cittadini italiani residenti all’estero di stipulare un atto pubblico, senza la necessità, fino ad ora irrinunciabile, di fare una procura e quindi di non essere fisicamente presente all’atto.

Lo stesso discorso vale per le persone affette da varie forme di paralisi o da malattie invalidanti, per le quali fino  ad ora la legge ha imposto la nomina di un procuratore o più genericamente, di un alter ego.

Fra tutti, i malati di SLA, per i quali il sistema digitale mette a disposizione forme e sistemi di interazione senza precedenti, non rendendo più indispensabile l’uso dell’interprete per la stipula dell’atto pubblico.

Tutte queste considerazioni portano ad un’ulteriore conclusione: non solo la velocizzazione di tutti i passaggi dell’atto notarile ma anche una svolta a trecentosessanta gradi del ruolo del cittadino nel contesto sociale.  Non più, solo ed esclusivamente, silenzioso spettatore delle attività di cui è soggetto attivo ma ormai protagonista delle sue volontà e dei suoi comportamenti giuridici.

2018-06-25T10:41:13+00:00 Giugno 25th, 2018|0 Comments

Leave A Comment