fbpx

Chi è oggi il Notaio ?

Gran parte dell’immaginario collettivo ancora lo identifica con la figura manzoniana, cupa e controversa, del Dottor Azzeccagarbugli, chiuso nel suo formalismo e nella sua incapacità a farsi comprendere. Ma basta guardare l’evolversi dei tempi e dei suoi protagonisti, per rendersi conto di come, in verità, il Notaio sia diventato oggi colui che assiste, assolve, risolve, aiuta.

Comprare una  casa, chiedere un mutuo, fare donazioni ai propri cari, fare testamento, sono atti di ordinaria quotidianità e il desiderio del cittadino di essere non solo assistito, ma anche consigliato e guidato nello svolgimento di essi, diventa e si trasforma in diritto. Il Notaio non è solo il pubblico ufficiale super partes che tutela i contraenti in egual misura, ma è anche  colui che riscuote le imposte, consiglia il cliente, accompagna la parte nella trattativa precedente alla stipula, lo solleva da molteplici insidie interpretative.

Il legislatore spesso è complesso e contraddittorio, sottopone le leggi a continue modifiche nel tempo, che spesso mettono il cittadino di fronte a contesti difficili da capire e da applicare al caso de quo.

La figura del Notaio, oggi più di ieri, acquista una connotazione dinamica proprio nell’ambito di una realtà sociale ed economica in continua evoluzione, che obbedisce a criteri perennemente mutevoli e che lo spingono a continui aggiornamenti giuridici e dottrinali, lo stimolano ad informarsi e a cercare nuovi spunti legislativi.

La complessità delle sue funzioni, sia nella fase precontrattuale, che quella contestuale alla stipula dell’atto definitivo, fa sì che il Notaio sia sempre coadiuvato da assistenti e collaboratori, che con il loro operato, permettono  il raggiungimento dello scopo finale: la stipulazione dell’atto definitivo.

L’assistente notarile reperisce documenti, analizza attentamente tutte le problematiche legate al contratto, gestisce rapporti con le agenzie di mediazione, avvisa le parti di eventuali mancanze e le sollecita ad una repentina integrazione in corso d’opera.

La modifica dell’atto, spesso diventa necessaria perchè causata da un cambiamento di volontà in itinere o semplicemente dalla scoperta di documenti sfuggiti al reperimento iniziale. Il Notaio, infatti, accerta personalmente quale sia la volontà delle parti, tesa al raggiungimento di uno scopo comune che sia idoneo e conforme alla legge. Per questo motivo, diventa imprescindibile l’attività  di consulenza pre-contratttuale che non si esaurisce nell’indagine di ciò che le parti vogliono ottenere, ma è volta alla raccolta di quelle notizie che concretizzano il vero scopo dell’atto: la tutela dell’interesse delle parti.

Vorremmo concludere con questa convinzione: che l’efficienza di uno Studio Notarile non risiede esclusivamente nella sapienza e nella bravura del Notaio, ma anche e soprattutto nel dinamismo e nell’operosità di tutto lo staff che lo circonda.

2018-03-26T10:22:55+00:00 Gennaio 26th, 2018|0 Comments

Leave A Comment